Dicembre 2014 - ESEDOMANI TERNI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

HISTORY > Anno 2014
 
 
 

GRANDE SUCCESSO PER “TESTIAMOCI” DI ESEDOMANI

Si sono conclusi oggi gli eventi che l’Associazione Esedomani Terni ha presentato al pubblico per celebrare tutti quanti insieme la giornata mondiale per la lotta all’HIV/AIDS del primo dicembre.
Dopo l’appuntamento di ieri sera che ha visto trionfare la compagnia teatrale Bluestocking sul palco dell’auditorium di Palazzo Primavera, siamo lieti di comunicare che l’iniziativa “Testiamoci”, che si è svolta oggi in bct, ha riscosso un successo inimmaginabile.
Ben ottantatre persone, infatti, nel corso dell’intera giornata, sono venute a trovarci nel gazebo messoci a disposizione dalla Croce Rossa e si sono sottoposte, in maniera del tutto anonima e gratuita, al test salivare rapido rivelatore dello stato sierologico.
Ringraziamo i nostri partner istituzionali che hanno reso possibile questo evento: il Comune di Terni e la bct, in primis, per averci ospitato e accolto come sempre con grande affetto e vicinanza; l’Ufficio Otto Per Mille della Tavola Valdese; la sezione di Terni della Croce Rossa Italiana; la Fondazione Carit Terni; il Cesvol Terni; l’Azienda municipale delle farmacie di Terni; la Clinica delle malattie infettive dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni.
In particolare ringraziamo la Dott.ssa Di Giuli, dirigente della clinica, la Dott.ssa Lavinia Saraca e il Dott. Gabriele Margiotta per la loro disponibilità e per aver somministrato materialmente i test con la professionalità, l’impegno e la dedizione che hanno sempre manifestato, insieme all’Ispettrice Dott.ssa Staccini e alle altre infermiere della Croce Rossa.
Per quanto riguarda la parte comunicativa ringraziamo il Tg3 Regione, Il Messaggero, Il Corriere dell'Umbria, Marco per le riprese, e il caro Adriano per Terni in Rete che segue sempre con entusiasmo le nostre iniziative.
È stata una lunga giornata, faticosa ed emozionante, che ci ha ripagato di tutti gli sforzi profusi nei mesi precedenti. Nessuna parola può descrivere la soddisfazione nel vedere lo sguardo e il sorriso liberatorio delle ottantatre persone che hanno creduto in noi e alla nostra iniziativa e che stasera dormiranno sonni più tranquilli.
A loro tutti va il nostro grazie più sincero, per aver trovato il coraggio di entrare in un luogo pubblico e di venirsi a testare, mettendo da parte timori e paure, superando in particolare quell’odiosa idea che fare il test sia indice e sintomo della malattia o, peggio, che l’HIV riguardi solo gli omosessuali e i tossicodipendenti. Si sono sottoposti al test, infatti, uomini e donne, senza distinzioni di sesso e di orientamento sessuale.
Ringraziamo in particolare quei ragazzi che si trovavano già in biblioteca a studiare e che sono venuti a testarsi numerosissimi, mettendo un attimo da parte i libri di studio. Il loro piccolo gesto ha testimoniato in una maniera straordinaria il messaggio che ci eravamo prefissati di trasmettere: che la cultura non passa solo dai libri, ma anche dai gesti e dalle relazioni. Che un’altra cultura delle relazioni è possibile, ed è anzi doverosa.
Doveroso partire da noi, dalla salute, dalla cura e dall’amore per sé e per gli altri.

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu